Bodybuilding: utilizzo degli steroidi nel culturismo e loro conseguenze

Bodybuilding: utilizzo degli steroidi nel culturismo e loro conseguenze

In pratica si è alla costante ricerca di diminuire, tramite modificazioni chimiche, l’androgenicità di queste sostanze. Tale caratteristica è infatti la fonte dei principali effetti collaterali legati all’uso degli steroidi anabolizzanti. La scienza farmacologica applicata al settore degli steroidi anabolizzanti ha permesso di ottenere farmaci che, oltre ad essere prodotti a costi inferiori, esaltano le proprietà anaboliche degli ormoni naturali, limitando al tempo stesso gli effetti indesiderati.

  • Sentendosi incapaci di raggiungere il fisico ideale, alcuni bodybuilder possono implementare nella loro dieta questi steroidi, con risultati inizialmente positivi, ma che poi si rivelano essere estremamente dannosi per l’organismo.
  • Il trattamento dei topi castrati ha portato all’ipertrofia del muscolo levatore ani rispetto ai controlli eugonadici, con attenuazione delle riduzioni indotte dalla castrazione delle concentrazioni di IGF-1.
  • L’aumento dei casi di morbillo e i recenti decessi in due paesi UE/SEE preoccupano gli esperti dell’ECDC, in particolare le fasce deboli come i bambini sotto…
  • Ad esempio, il trattamento con cerotti al testosterone nelle donne con disturbo del desiderio sessuale ipoattivo dopo salpingo-ooforectomia bilaterale ha aumentato gli episodi di soddisfacenti incontri sessuali e aumentato desiderio sessuale.

I prodotti che si possono acquistare sul web sono farmaci privi di sicurezza con cui si rischiano seri problemi di salute. I corticosteroidi sono impiegati per via della loro azione antinfiammatoria e immunosoppressiva mentre gli steroidi androgeni anabolizzanti (AAS) per la loro azione anabolizzante. A partire dal 2000 in Italia è vietato dalla legge ed è considerato un reato perseguibile penalmente procurare ad altri, somministrare, assumere o favorire comunque l’utilizzo di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive (come gli anabolizzanti) il cui impiego è considerato doping. L’Agenzia mondiale antidoping (WADA, dall’inglese World Anti-Doping Agency) pubblica una lista costantemente aggiornata delle sostanze il cui impiego è considerato doping. Al suo interno è possibile trovare un dettagliato elenco (sotto la voce Agenti anabolizzanti, Anabolic Agents) degli steroidi anabolizzanti vietati.

Cattive abitudini nemiche della crescita muscolare

Molte persone tendono ad abusare di farmaci anabolizzanti, perché sono davvero utili per curare disturbi ossei, anemia, post operatori e muscoli. Tuttavia,  non sono consigliati nel campo del bodybuilding o dello sport , in quanto sono la principale causa di effetti collaterali dannosi. Atleti e bodybuilder ricorrono spesso a supporti integrativi in grado di massimizzare la costruzione di massa muscolare. Ma prima di concentrarci sulle diverse tipologie e sulle loro funzioni, occorre capire cosa sono, quali effetti hanno sull’organismo, e perché è doveroso distinguerli da prodotti che, invece, contengono principi attivi farmacologici e richiedono maggiore attenzione. Se una persona ha delle stenosi a livello delle arterie che irrorano il cuore (coronarie) e viene dato troppo ormone tiroideo, può sviluppare dolore toracico o un ritmo cardiaco anormale.

  • Nel maschio in età adulta, invece, possono insorgere l’oligospermia, cioè una riduzione del numero degli spermatozoi, e l’azoospermia, ossia la completa assenza di spermatozoi.
  • Gli antiandrogeni comprendono un gruppo relativamente ampio di composti che interferiscono con la normale attività biologica di T e sono stati proposti vari meccanismi per la loro funzione.
  • I cookie sono inviati al browser dell’utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) dal sito web visitato, in particolare dal server web (ovvero il computer sul quale è in esecuzione il sito web).

Questo processo è legato al normale invecchiamento e di solito non è associato a condizioni patologiche. Diverse patologie possono tuttavia concorrere all’abbassamento, come ad esempio l’obesità, una disfunzione testicolare (ipogonadismo primario), alterazioni dell’ipofisi o dell’ipotalamo (ipogonadismo secondario), o regimi di chemioterapia. Negli ultimi 15 anni, la TOS a base di testosterone, il principale ormone tra gli androgeni, è diventata un trattamento farmacologico abbastanza prescritto, con un utilizzo più che triplicato rispetto ai primi anni 2000, non solo tra gli uomini in età avanzata ma anche tra i giovani. Uno steroide anabolizzante è una sostanza con azione biologica simile a quella esercitata dal testosterone, un ormone sessuale tipicamente maschile. Per la natura del Deca-Durabolin, gli effetti indesiderati non possono scomparire rapidamente con la sospensione del medicinale. Le soluzioni iniettabili in genere possono causare una reazione locale nel sito di iniezione.

Precauzioni per l’usoCosa serve sapere prima di prendere Deca Durabolin

La due giorni di AFI affronterà prima l’ armonizzazione delle valutazioni HTA negli Stati membri europei, e le nuove tecnologie dal punto di vista legale, tecnologico e di sostenibilità; poi  i gruppi studio di… Le informazioni riguardanti l’utilizzo dell’estrone in ambito veterinario sono poche. • abbreviare le ricadute e ridurre la loro gravità (corticosteroidi), • prevenire le ricadute e prevenire o ritardare la progressione della malattia (Disease Modifying Therapy, DMT, trattamenti modificanti la malattia).

  • Tra le altre attività, aumenta l’appetito e stimola anche il rilascio di eritropoietina.
  • Ciò non significa però che esistono anabolizzanti non epatotossici, tutta questa classe di farmaci presenta questo effetto, alcuni in misura maggiore altre in forma più moderata.
  • Inoltre, fino ad oggi i SARM hanno sempre dimostrato di essere ben tollerati, facilmente somministrabili per via orale e nel complesso carenti di interazioni farmacologiche significative che possono solo aumentare ulteriormente la loro futura applicabilità.
  • Se non si hanno delle particolari patologie cliniche per le quali è il medico che prescrive gli isteroidi, l’assunzione di tali sostanze provoca un aumento della forza e della massa muscolare.

A parte gli effetti collaterali sopra menzionati, l’uso di AAS può portare a sintomi di astinenza dopo che questi farmaci sono stati interrotti. Questi sintomi sono molto simili a quelli osservati nei soggetti con declino del T correlato all’età, tra cui aumento dell’accumulo di grasso, perdita di massa muscolare e forza ossea, sbalzi d’umore, irritabilità, affaticamento estremo, irrequietezza e depressione. Pertanto, per molti utenti, l’unico modo per superare questi sintomi è ricominciare a prendere AAS e, alla fine, diventano dipendenti da questi farmaci (tuttavia, è un tipo di dipendenza relativamente speciale che è diverso da altri farmaci).

AAS può influenzare negativamente i livelli di colesterolo del corpo, ad esempio, la somministrazione a lungo termine di AAS può causare l’aumento delle lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) o “colesterolo cattivo” mentre le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) o ” colesterolo buono” diminuirà. In molte occasioni  i capelli non sono l’unica cosa che un atleta può perdere a causa dell’uso di anabolizzanti , ma la sua carriera può essere seriamente danneggiata, per non essere sincero e prendere pratiche antisportive. Per essere un grande atleta non hai bisogno di anabolizzanti o altri farmaci, devi  solo lavorare molto e seguire una dieta sana. Molti studi determinano che la caduta dei capelli è dovuta alla genetica e alla presenza di androgeni, ma la realtà è che  coloro che usano frequentemente gli steroidi anabolizzanti hanno molte probabilità di perdere i capelli . Alcuni studi scientifici hanno stabilito che  gli steroidi anabolizzanti sono la principale causa di caduta dei capelli  e alopecia.

La variabilità inter-umana è molto elevata e il recupero della spermatogenesi dipende probabilmente dalla dose di anabolizzanti e dalla durata del ciclo. Un dato sorprendente è che la maggior parte degli utenti non è un atleta professionista e non è attivamente impegnato in competizioni agonistiche o eventi sportivi organizzati. Un altro dato altrettanto interessante è che il contenuto di almeno il 50% delle sostanze ottenute illegalmente non corrisponde a quanto riportato in etichetta. Potreste avvertire un maggior senso di fame durante il trattamento con gli steroidi e, di conseguenza, sentirete il bisogno di mangiare di più. Un regime dietetico adeguato può servire per limitarne le conseguenze, ma è sempre bene consultare l’oncologo prima di modificare l’alimentazione. Devono essere prese a orari prestabiliti oppure ripartite in brevi cicli di trattamento, secondo la prescrizione dell’oncologo.

Steroidi anabolizzanti: i rischi nella donna adulta

T può essere soggetto a ulteriori cambiamenti strutturali che portano alla produzione di diidrotestosterone 4 o estradiolo (Figura 1). T può essere prodotto farmaceuticamente da androstenolone ( 5 ,figura 2) mediante riduzione del 17-carbonile e ossidazione del 3-ossidrile con l’uso dei necessari gruppi protettivi. Purtroppo, chi ha deciso di prendere o già prende anabolizzanti non si farà (temo) convincere o spaventare da quanto detto sopra. Nonostante naturalmente io sconsigli dal punto di vista medico l’assunzione di queste sostanze al solo Trenbolone compresse prezzo scopo di aumentare la performance atletica, senz’altro molti continueranno a prenderli. Infine tenete bene a mente che, sul piano psicologico e psichiatrico ben più che su quello fisico, anche un solo ciclo di anabolizzanti può avere conseguenze notevoli e potenzialmente molto pericolose. Relazioni con le persone non soddisfacenti, fallimenti sul lavoro, problemi con la legge, utilizzo di altre sostanze illegali od altro non vengono messi in relazione con la condotta di abuso, anche perchè spesso la si considera una pratica sana e sportiva.

Per esempio, sebbene il cosiddetto doping “genetico” ufficialmente non esista, i farmaci che regolano l’ipercrescita dei miociti (le “fibre” muscolari) sono già in corso di sperimentazione. Queste sostanze, studiate per la terapia delle patologie che determinano la degenerazione dei muscoli, somministrate ad un atleta consentirebbero risultati altrimenti impensabili; le conseguenze di un uso non clinico, però, potrebbero essere devastanti. Le informazioni riassunte in questa recensione sono state ottenute attraverso un’ampia revisione della letteratura cercando libri e articoli pertinenti con i database Web of Knowledge, SciVerse Scopus e PubMed.

Related Posts
Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *